Dal caffè all’espresso: storia di macchine e di curiosità

caffe-espresso

Anche noi ci fermiamo a prendere un caffè ogni tanto e oggi nel nostro bar preferito c’è Francesco, figlio del barista, di 7 anni e un milione di domande nella tasca.

Come al solito ci fermiamo insieme a lui che attende il papà mentre termina il turno di lavoro e, mentre ci gustiamo una buona tazzina di caffè, Francesco chiede: “Papà, ma perché sulla macchina che utilizzi c’è scritto “caffè espresso”? Perché è veloce??”

Dopo la fragorosa risata generale, Filippo, intento a riempire il macinacaffè del nostro Extra Bar, ci chiede di rispondere. Francesco si gira e, appoggiando la testa sui palmi chiede: “ma allora mi spiegate perché?”.

Spieghiamo a Francesco che l’inventore della macchina da caffè espresso (e del moderno concetto del caffè espresso) è Angelo Moriondo nel 1884, discendente da una famiglia di imprenditori, che acquistò alcune attività alberghiere che fecero nascere la necessità di realizzare una moderna macchina per produrre “caffè istantaneo” in modo da soddisfare in tempi rapidi la clientela.

Tuttavia, solo a partire dal 1902, l’idea diventa imprenditoriale grazie all’introduzione di una caldaia con un fornello a gas, così da far diventare la macchina un oggetto industriale pronto a essere commercializzato e venduto in serie.

Negli anni Quaranta, un barista milanese, Achille Gaggia capì l’importanza dello strumento e la necessità di velocizzare la produzione di una bevanda che stava rivoluzionando il modo di consumare il caffè e di concepire la stessa idea di “bar” e introduce il meccanismo che porterà alla creazione della macchina espresso moderna: la pressione.

L’innovazione del meccanismo che spinge l’acqua tramite il caffè macinato a temperature sempre più alte porta alla definizione moderna di caffè espresso il quale viene ottenuto dal processo di macinazione dei chicchi e, in seguito, dal “filtraggio” dell’acqua sotto uno strato di caffè pressato.

Il caffè espresso sicuramente ha giocato un ruolo molto importante dal punto di vista sociale: la facilità con la quale era possibile ottenerlo rivoluziona così il concetto di convivialità e di frequentazione dei locali pubblici a livello globale.

Francesco però ora ci guarda annoiato … forse si aspettava da questa storia draghi, battaglie e aeroplani, ma quando crescerà capirà che il caffè espresso è l’eroe di tutte le mattine nelle case italiane.

Inoltre, come un diceva un noto comico italiano: “Meno male che c’è il caffè. Ma chi sarà stato il ganzo che ha inventato il caffè? Dev’essere cugino di quel genio che ha inventato il letto. Premio Nobel a tutti e due!”

Buon caffè!

Recent Posts
Contact Us

We're not around right now. But you can send us an email and we'll get back to you, asap.

Not readable? Change text.
0

Start typing and press Enter to search