Il soffice … “caffedì”

torta-cal-caffè-ricetta

Oggi ci sentiamo dolci perché è caffedì, come dicono le nostre coinquiline preferite.

Le nostre “coinquiline” preferite, sono cinque ragazze universitarie che acquistano tanti sacchetti del nostro caffè Macinato Aroma Bar Espresso.

Chiamano il mercoledì, il caffedì, proprio perché è il giorno in cui preparano la loro soffice torta al caffè. Conosciamo questa storia perché Federica, la studentessa brillante di matematica, è venuta a trovarci … oggi è stato affidato a lei il compito di comprare il caffè.

Proprio mentre era in cassa, è stata assalita dalle risate di Giulia, studentessa dell’Accademia delle Belle Arti, che la invitava a tornare per mangiare la solita torta del Caffedì.

Chiediamo, incuriositi, a Federica perché hanno deciso di chiamare il Mercoledì “Caffedì” e lei, con il suo solito piglio, ci risponde che in casa Cinque il mercoledì è un giorno di fuoco: al mattino, a cinque orari diversi, la loro mega caffettiera si prepara a sostenere le nostre cinque coinquiline.

Il risultato? Il caffè che rimane nella moka corrisponde esattamente cinque tazzine di caffè, calorosamente conservato in una bottiglietta in vetro.

Il caffè durante il pomeriggio diventa per Monica, la folle studentessa di Giurisprudenza, l’ingrediente base per la sua sofficissima torta:

  • 250 gr di farina 00
  • 2 uova
  • 130 gr di zucchero
  • 5 tazzine di caffè (non una più e non una meno)
  • 100ml di latte parzialmente scremato
  • 100 gr di burro fuso / 70 ml di olio di semi d’arachide (variante di Marta, la studentessa di danza che preferisce la versione light)
  • 1 bustina di lievito per dolci
  • 1 bustina di vanillina

Il procedimento, sempre lo stesso, si svolge sotto gli occhi attenti (e i numerosi racconti) di Carla, la studentessa di biologia sempre attenta alle dosi e alle quantità.

Monica monta insieme uova e zucchero, mentre Carla racconta dell’ennesima relazione naufragata. Poi, quando Marta non c’è, si incorpora il burro fuso o l’olio, si versano le cinque tazzine di caffè e si amalgama il tutto.

Nel frattempo Carla setaccia la farina in una ciotola, incorporando, a poco a poco, un bicchiere di latte.

Infine, Monica unisce lievito e la bustina di vanillina al composto. Ritorna Carla, che imburra la teglia, la infarina e Monica  versa il composto che andrà cotto a 180° per 30/35 minuti.

Il profumo di questo dolce semplice e veloce, ci racconta Federica, è unico e nei giorni di pioggia, sole, neve o tempesta alle 18.00 in punto diventa il soffice “cuscino” sul quale tutte adagiano le insoddisfazioni della giornata.

Insomma, Federica va via di corsa con la sua solita scorta di caffè e noi siamo felici che il nostro caffè sia l’ingrediente principale della loro pausa.

Nel frattempo ci è venuta voglia di provare a preparare questa torta! E a voi?

Recent Posts
Contact Us

We're not around right now. But you can send us an email and we'll get back to you, asap.

Not readable? Change text.
0

Start typing and press Enter to search